Interazione: miei pensieri, le letture.

By filoiovinella

 

PORNO – Irvine Welsh

“Gli anni passano, ma i miei ragazzi restano i soliti bastardi”

Un riscatto per i personaggi di trainspotting basato su una sceneggiatura e una regia di un film porno: sette troie per sette fratelli. Ogni sorta di derivazione umana, ogni disonestà possibile ed alla fine una sola verità, su di un letto di condivisione, di un lungo e perpetrato tradimento.

Tratto dal libro : ” veritas odium parit” fa Dode con una voce così, da saggio. Poi spiega a beneficio del sottoscritto: “la verità porta odio”.

 

PICTURES – Katherine Mansfield

Le immagini, di una protagonista (Miss Moss) alla ricerca di un’ audizione, sul finire la sua possibilità.

tratto dal libro : Caffè de Madrid. They have concerts there in the evening…. ” why don’t they begin? The contralto has not arrived… ” Excuse me, I happen to be a contralto;  I have sung that music many times…

 

 

L’IO e L’ES – Sigmund Freud

La psicanalisi e il comportamento attraverso le acquisizioni degli investimenti oggettuali .

tratto dal libro: la parola è essenzialmente il residuo mnestico di una parola udita.

 

PASTORALE AMERICANA – Philip Roth

Un lungo metraggio sulla storia dell’America nel periodo della guerra in Vietnam, il protagonista Seymour Levov che attraverso fasi contrastanti di vita: il tradimento e lo sgomento per la figlia. L’amore e l’odio per l’America. L’amore e il tradimento dei sentimenti, tutti. La figura paterna e quella fraterna, uno spartiacque, nella coscienza al buio dello “svedese” così veniva chiamata all’epoca del suo successo liceale e sportivo.

Tratto dal libro : sono loro i fuorilegge. Orcutt, diceva Dawn al marito, viveva solo di ciò che la sua famiglia era stata a sua volta. Beh, lei viveva di ciò che era appena diventata. Dawn e Orcutt: due predoni. I fuorilegge sono dappertutto. Hanno varcato la soglia.

 

 

E’ ORIENTE – Paolo Rumiz

Un insieme di viaggi in esplorazione della mitteleuropa tra la fine degli anni 1999 e l’inizio degli anni 2000, un interessante reportage su costumi, abitudini e distanza da ciò che doveva sentirsi: come unione di stati europei che nella realtà non si è affatto tramutata.

tratto dal libro : forse il cielo è morto. Ma se è morto, non l’ha ucciso la guerra. Lo uccide questa società edonistica che – per bruciare la vita nel consumo del presente –  occulta i conflitti, li contrabbanda come evento pulito.

 

 

 

Alla ricerca del tempo perduto volume : LA FUGGITIVA – Marcel Proust

Un viaggio nel dubbio del sentimento amore, nel desiderare il tempo perduto e nel riguardare la propria donna, oggetto dell’ossessione amorosa nell’atto del suo abbandono. Amicizie, strani intrecci amorosi, deliri e indifferenza amorosa ballano nella mente del protagonista a snocciolare ogni sorta di cavillo che il dubbio d’amore genera … per poi disciogliersi  nel nulla.

Tratto dal libro : E’ possibile allora che i nostri incubi notturni siano spaventosi. Ma al risveglio, siamo un altro essere che non si preoccupa affatto che quello di cui ha preso il posto durante la notte abbia dovuto fuggire davanti agli assassini.

 

 

 

L’ALLEGRIA, IL PIANTO, LA VITA – Eugenio Scalfari

Parlare di se stessi e della vita politica è un diario che lascia una traccia indelebile, e un libro è tutto ciò

Tratto dal libro : Lo scrissi senza sentire che lo stavo scrivendo. L’autore di quel ricordo da me firmato non ero io, avevo scritto tutto meccanicamente. L’autore era la storia della cultura politica, era lei ad averlo scritto.

 

L’ODORE DELL’INDIA -P.P.Paolini

Un viaggio in India insieme a Moravia e la Morante alla scoperta di una storia, sopratutto alla scoperta di costumi lontani, da ognuno di loro tre amici, per accendere la curiosità e la sensibilità di tre scrittori diversi, accomunati da un viaggio di vagabondaggio.

tratto dal libro : Eravamo dunque da due giorni a Cochin: era domenica. Io avevo voglia di stare solo, perché soltanto solo, sperduto, muto, a piedi, riesco a riconoscere le cose.

 

 

LA LUNA E I FALO‘ – Cesare Pavese

Il capolavoro ispirato dalla sua terra natia, le vicende di un’epoca storica italica nelle valli dell’Astigiano. Una lettura piacevole, un incanto letterario. L o stesso Pavese riconosce che questo suo scritto è uno stato di grazia:  la luna è il libro che mi portavo dentro da più tempo e che ho più goduto a scrivere. Tanto che credo che per un pezzo – forse sempre – non farò più altro. Non conviene tentare troppo gli dèi.

Tratto dal libro : mi diceva che l’ignorante non si conosce mica dal lavoro che fa ma da come lo fa, e che certe mattine svegliandosi aveva voglia anche lui di mettersi al banco e cominciare a fabbricare un bel tavolino.

 

 

 

Il TEATRO DI SABBATH – Philip Roth

E’ davvero un teatro quello di Mickey Sabbath, viaggia nei suoi mondi in modo onnisciente e in forma soggettiva. La storia di sesso con Drenka che gli dà l’ossigeno per vivere, la sua sopravvivenza dopo la morte della stessa attraverso donne dalla moglie scomparsa, all’altra alcolizzata, dalla madre figura fantasma e sempre presente, all’accusa di molestie all’università, al teatro “scandolo” nel parco a New York per un seno scoperto.

scrive Philip Roth estratto dal libro : nei grandi capolavori, quando commettono un adulterio poi si ammazzano sempre. Lui desiderava ammazzarsi quando non ci riusciva.

 

 

THE MAN WHO LOVED ISLANDS – D.H.Lawrence

Ci sono passaggi di introspezione poetica molto belli

tratto dal libro : Only he had to have something  upon which his mental ctivity could work. So he spent long, silent hours in his study, working not very fast, non very importantly, letting the writing spin softly from him as if it were drowsy gossamer.

 

 

IL DOLORE,LE OMBRE,LA MAGIA – Banana Yoshimoto

L’allontanamento e la solitudine, la dolce e tenera migrazione di Yoshie che attraverso la meditazione del dolore delle ombre e della magica amicizia ed amore trova il suo equilibrio a vivere da sola in città.

Passo del libro tratto dalla lettera della nonna: con quanta dolcezza pronunciavano il tuo nome….hai trovato davvero dei buoni amici. Mi raccomando, cerca di venire presto a trovarmi anche tu. Ti aspetto. Tua nonna.

 

GENTE DI DUBLINO – James Joyce

Un catena di racconti che attraversano tutti i periodi della vita lasciando l’aria di ambientazione nella Dublino,sua.

Tratto dal libro : ogni anno che passa mi convinco sempre più che nessuna tradizione reca più onore al nostro paese – e più d’ogni altra merita d’essere gelosamente conservata – della sua ospitalità.

 

Il PIACERE – Gabriele D’Annunzio

Sono ad un momento della mia vita in cui ho valutato il sentimento dell’egoismo e nel rileggere il Piacere di D’annunzio ho cercato nella trama questa sfumatura.

Andrea Sperelli, indubbiamente, è il personaggio più significativo della letteratura di Gabriele D’Annunzio.

Tratto dal libro : stabilite, dentro questa sera, ogni cosa. Domani, all’una dopo mezzogiorno, io debbo essere già libero. Ma domattina lasciatemi dormire almeno fino alle nove.

 

I DIAVOLI -Guido Maria Brera

Il romanzo che parla di finanza, quella dei nostri tempi, piacevole.

Tratto dal libro : Avete esaltato l’io e il consumo di ciò che si possiede. Qui i ricchi si sono comprati squadre di calcio, da noi hanno costruito musei, ospedali, scuole . E sai perché ti devi incazzare? Perché tutto questo vi ha impedito di scoprire la ricchezza e la bellezza dell’altro.

 

A SCANDAL IN BOHEMIA – ARTHUR CONAN DOYLE

La parte più ironica, la dimensione più esilarante  del potere e dell’amore.

Tratto  dal libro : ” There is the writing”

” Pooh, pooh! Forgery”……..” my private notepaper”……” Stolen”……” My own seal”…….”Imitated”……” My photograph”……… “Bought”……” We were both in the photograph”……” Oh,dear! That is very bad! Your Majesty has indeed committed an indiscretion”.

 

SMOKE – WILLIAM FAULKNER

Una breve storia giudiziaria di eredità e assassinio, la mia prima lettura in lingua inglese.

Tratto dal libro : I didn’t.  I waited as long as I could before I put the smoke in there. Just before you all came into the room,  I falled that box full of pipe smoke and shut it up. But I didn’t know……………that smoke stayed in that box almost an hour.

 

VOCI -Natascia Lalanne

Le guerre moderne e le pulizie etniche si consumano nel e tra il vicinato e i segni indelebili restano sulle donne. Le voci delle donne di Srebrenica in questo breve saggio.

Tratto dal libro :  il 10 maggio del 1992 Bratunaz, e tutti i paesi che lo circondano, sono stati puliti dai Cetnici in tre giorni. Nel comune non c’era più nessuno. Non c’era nemmeno un musulmano vivo……….

 

Il Principe – Niccolò Machiavelli 

Studiare ed entrare nel meccanismo “dell’arte  dello stato” bisogna passare per il principe.

Tratto dal libro : Colui che viene al principato con lo aiuto dè grandi, si mantiene con più difficulta che quello che diventa con lo aiuto del populo, perchè  si truova principe con di molti intorno, che li paiano essere sua eguali, e per questo non li può nè comandare nè maneggiare a suo modo. Ma colui che arriva al principato con il favore populare, vi si truova solo, e ha intorno o nessuno o pochissimi che non sieno parati ad obbedire.

 

Hashtag – Marino Niola

Mi piace studiare l’evoluzione dell’uomo nella società, il titolo di questo libro parla chiaro, l’hashtag di twitter e non solo.

Cosa siamo oggi, in questo momento presente, riporto questo passaggio del libro :   All’antica concezione della persona come sintesi di corpo e mente, di materia e spirito, si è sostituita quella di un individuo immateriale, una sorta di ultracorpo sottile. Pura sinapsi elettronica. Così la comunicazione diventa una mente collettiva, autonoma dai soggetti, che esistono solo in quanto terminali. Il che significa che siamo mutati sotto i nostri occhi . E tra una telefonata e un sms siamo transitati dall’universo del Cogito ergo sum a quello del Digito ergo sim

 

 

L’arte di amare – Francesco Alberoni 

Perché leggere l’amore? Perché si scopre sempre qualcosa di se.

Tratto dal libro, capitolo dal titolo La libertà : quando siamo innamorati restiamo due persone distinte, siamo diversi e liberi……e affermiamo la nostra libertà con tanta maggiore intensità quanto più l’amore ci consente di essere pienamente noi stessi e di realizzare la nostra essenza, la nostra vocazione.

 

Sherlock Holmes – uno studio in rosso -Sir Arthur Conan Doyle 

La magia di come nasce un personaggio tra i primi tratti di scrittura .

Tratto dal libro : ” Il dottor Watson, il Signor Sherlock Holmes” disse Stamford. ” Tanto piacere” disse Holmes in tono cordiale, stringendomi la mano con forza di cui non l’avrei creduto capace.” A quando vedo, lei è stato in Afganistan”. ” Come fa a saperlo?” domandai sbalordito.

Colla – Irvine Welsh

Ho preso un libro, tra i tanti, di questo autore per seguire la sua scrittura. Perché colla? Perché il titolo è importante …..impariamo questo, il titolo di un libro è importante . Questo gruppo di ragazzi ” incollati ” con  tutti i loro casini esistenziali, a volte li ho confusi  li ho persi e poi ritrovati tra le pagine, scene alcune intense, altre di vita quotidiana. Ho fatto un viaggio nella Corea di Irvine…mi è piaciuto.

tratto dal libro : stavo pensando che sono sempre stato un outsider, uno fuori posto. Anche con la posse,la tribù, la banda, ero uno fuori posto.

Il diavolo in corpo – Raymond  Radiguet 

Volevo leggere un testo giovanile, l’eros giovanile di un sedicenne che si dibatte tra altre due figure maschili, il padre e il marito dell’amante. Marthe tutto il suo mondo.

Tratto dal libro: dovevo alla guerra la mia nascente felicità. Presto ne avrei raggiunto l’apoteosi. Speravo che si sarebbe messa al servizio del mio odio, proprio come un mandante anonimo commette il delitto in nostra vece. Adesso stiamo piangendo insieme. E’ colpa della felicità.

L’amore, la sfida, il destino – Eugenio Scalfari 

Questo tavolo al quale si siedono i tanti  personaggi “fondamentali per lui”, per comprendere il pellegrinaggio di anime che si interrogano sulla vita, è davvero meraviglioso. Gioisco ad ogni capitolo, già solo dal titolo.

Tratto dal libro – capitolo e Lucifero creò la scimmia pensante : …durante un viaggio a Firenze ,mi trovai  di fronte, nella chiesa del Carmine, all’affresco di Masaccio………restai stupefatto a guardare quell’opera che descrive l’uscita drammatica dell’uomo, dall’innocenza, la colpa d’aver desiderato e trasgredito.

La Nausea – Jean Paul Sartre

Riporto in primis un concetto di Sartre che condivido – Bisogna scrivere tutto come viene alla penna, senza cercare le parole.

Mentre leggo vado alla ricerca ( come l’autore) di un istinto di felicità che mi dirige verso una sensazione…..ed eccola

Tratto dal libro: Un brivido mi percorre dalla testa ai piedi è…è lei che m’attendeva……..tutto s’è fermato; la mia vita s’è arrestata, questo vetro, quest’aria greve, azzurra come l’acqua, ed io stesso …..formiamo un tutto immobile e compatto: sono felice.

 

 

Al di là del bene e del male – Friedrich W. Nietzsche 

Al di là del bene e del male, una cavalcata meravigliosa attraverso i sensi, nel senso del pensare più profondo e nell’agire più geniale.

Tratto dal libro: capitolo lo spirito libero – Ci sono fatti di natura così delicata, che si fa bene a seppellirli e a renderli irriconoscibili con qualche grossolanità; ci sono atti d’amore e di traboccante magnanimità, dopo i quali niente è più consigliabile che dar di piglio a un bastone e legnare ben bene il testimone oculare, per offuscargli la memoria.

 

 

La coscienza di Zeno – Italo Svevo

Sono stata impegnata nell’ultimo mese sul concetto coscienza, uno scritto è apparso alla mia vista mentre giravo per casa. Ho riletto così la coscienza di Zeno, un uomo diviso tra l’iniziale vizio per la sigaretta, a quello successivo dello scegliere la donna a cui rivolgere il suo amore. Zeno  cerca e non cerca e si imbatte sempre in un’illusione amorosa e da questa i successivi tormenti di coscienza.

Tratto dal libro : Ma anche la donna nuova mi spaventava. Mille pericoli avrebbero insidiato me e la mia famigliuola. A questo mondo un’altra Carla non c’era, e con lacrime amarissime la rimpiansi, lei, la dolce, la buona, che aveva persino tentato di amare la donna ch’io amavo e che non vi era riuscita solo perché io le avevo messo dinnanzi un’altra donna e proprio quella che non amavo affatto!

 

 

 

Guarire senza medicine – Raffaele Morelli

La psicologia cosmica cerca di spiegare e dare consigli su come trovare la propria immagine innata. Da ragazza scrivevo rime e poesie ovunque, poi avevo dimenticato tutto, da qualche anno la poesia mi ha condotta al mio daimon, l’immagine innata, e scrivendo mi sento felice.

tratto dal libro : Basta socchiudere gli occhi e ricordare una scena della nostra infanzia in cui facevamo le cose che ci piacevano. Queste immagini riattivano spontaneamente nel cervello le difese contro la depressione e ci portano a sviluppare naturalmente antichi interessi.

 

 

Oltre i dogmi – Dalai Lama

Spesso passo davanti ad un negozio di arredamento etnico e su un tavolo tanti libri, qualche mese fa sono entrata in questo negozio e ho comprato Oltre i Dogmi..

Trattasi di una conferenza tenuta in Francia dal Dalai Lama, molti passaggi essenziali di una filosofia di vita essenziale e meravigliosamente armonica pervadono la lettura.

Tratto dal libro I diritti umani e Amnesty  International

Che i diritti umani siano un valore universale è assolutamente evidente, non avrebbe alcun senso creare distinzioni sulla base della cultura, dell’educazione o di qualsiasi altra caratteristica, perchè, fin dalla nascita, ogni essere umano gode degli stessi diritti. Per ragioni culturali o storiche, alcuni paesi persistono in discriminazioni basate sul sesso o su appartenenze etniche o sociali: ritengo che questi sistemi politici siano retrogradi, e che debbano evolversi.

Quando questa lettura sarà terminata spesso la riprenderò…

 

 

 

Le avventure di Huckleberry Finn – Mark Twain 

In questi giorni sono dentro una piccola avventura, sto scrivendo di un’ isola e di un gruppo di indigeni, di sole che arrossa la pelle e balli al chiaro di luna, contemporaneamente leggo Mark Twain, le avventure non si possono commentare soprattutto quelle dei giovani protagonisti di Mark Twain.

Tratto da libro:  I sigari erano di prima qualità. Siamo rimasti tutto il pomeriggio distesi nel bosco a chiacchierare, e io ho leggiucchiato i libri, e insomma ce la siamo spassata. Ho raccontato a Jim cos’era  successo nel relitto, e poi sul ferry,e gli ho spiegato che quelle cose si chiamano avventure; ma lui mi ha risposto che di avventure ne aveva abbastanza.

 

Elogio dell’amicizia – Paolo Crepet

La scrittura semplice ed appassionata di Paolo Crepet mi ispira sempre e molto. Mi piace analizzare la società e lui in questo scritto mette al centro di tutto l’amicizia, come sentimento che rappresenta la società e le sue evoluzioni.

Primo passaggio tratto dal libro, che ho trovato poetico e fondamentale : Quando interrogava e vedeva che l’alunno iniziava a menar il can per l’aia, guardava sempre più frequentemente il suo vecchio orologio da polso :  era  il segnale che stava per accadere l’irreparabile. Di lì a poco, avrebbe girato la testa verso il malcapitato e con un gentile e fermo gesto della mano gli avrebbe indicato la strada verso il banco.

Secondo passaggio tratto dal libro, che ha ridato verità al ruolo dei nonni : un rapporto pseudo-amicale tra nonni e nipoti comporta inevitabilmente l’impossibilità di conoscere la nostra storia più profonda  e lontana, ma soprattutto il declino di una conoscenza che è stata fondamento dell’umanità: il saper tramandare il proprio racconto di vita.

Sulle regole – Gherardo Colombo

I saggi hanno la bella prerogativa di approfondire le tematiche. Questo saggio parla di giustizia, ma in special modo delle due forme di società. I danni e le diseguaglianze della società verticale e i limiti di applicazione dell’ omogenea società orizzontale.

Il paragrafo si intitola cultura, questo è il passaggio dal testo che voglio riportare: Può succedere così che il sistema formale sia organizzato orizzontalmente , e le leggi scritte riconoscano diritti fondamentali e uguaglianza, ma che esista, allo stesso tempo,un ordinamento sommerso con regole proprie, che contrastano con quelle “ufficiali” e i cui effetti coinvolgono tutta la cittadinanza, trasformando nella sostanza l’organizzazione sociale da orizzontale in verticale-

American psycho – Brent Easton Ellis

Gli anni 80 sono rappresentati in una chiave ironica e grottesca, d’altronde Ellis lancia sempre qualcosa che non completa.

Il passaggio, per me, più significativo – Mi sembri infelice,- sbotta lei a un tratto  – Non lo sono affatto, – le dico con un breve sospiro. – Mi sembri infelice,- ripete, con più calma. Si tocca di nuovo i capelli, di un bianco abbagliante. – Bè, anche tu, – dico lentamente, nella speranza che non aggiunga altro. Lei tace

 

I demoniFedor Dostoevskij

La constatazione e l’ossessione della messa in mostra e descritta azione del male è incredibile. Sono giunta al passaggio del delirio di Petr nei confronti di Nikolàj –

Tratto dal libro : – Stavrogin, siete bello!- gridò Petr Stèfanovic, quasi in uno stato di ebrezza,- sapete che siete bello? Quello che in voi c’è di più prezioso è che qualche volta lo ignorate!………..Io amo la bellezza. Sono nichilista, ma amo la bellezza. I nichilisti non amano forse la bellezza? Soltanto gli idoli  essi non amano; bè, e io amo un idolo! Voi siete il mio idolo!.

Quando parlano i demoni la scrittura cambia forma. Evviva i classici di sempre.

 

Nick Cave , il seme del male – Ian Johnston

Questa è la vita di Nick , le vite vissute vanno lette,  non commentate ma assorbite. Eppure sento il bisogno di trascrivere due cardini in passaggio adesso ad un terzo della lettura, fondamentali per me, bellissimo letto ora  come fondamentali per la band –  i Birthday Party -.

Il primo passaggio tratto dal libro: ” Nonostante avessero vissuto nella più nera miseria, avevano tenuto duro, e questo fu un bene per loro. Lo so che dire che bisogna soffrire per la propria arte è un luogo comune trito e ritrito, però le cose stanno esattamente così.”

Il secondo passaggio tratto dal libro : ” Qualunque gruppo di idioti che sappia a malapena mettere assieme un paio di accordi può ritrovarsi sulla copertina dei giornali e pensare di essere dei milionari e anche degli artisti, per giunta.  I Birthday Party avevano qualcosa della quale distinguersi, un’ampia forza negativa con la quale non volevano essere identificati. Era un piacere osservare il loro atteggiamento!”.

 

Satyricon –  Petronio

Il convito carnale nella cena ” abbuffina ” di Trimalchione è tragico e comico, come afferma Socrate a proposito dei convivi. Durante la cena si affermano concetti profondi e amari con disinvoltura. Tratto dal libro  – : ” Un povero e un ricco eran nemici” Trimalchione lo interruppe : ” Che significa povero?”. ” Fine ” disse  Agamennone e cominciò ad esporre non so quale controversia. Trimalchione incalzò soggiungendo : ” Se questo è un dato di fatto, non è una controversia; se non esiste il dato di fatto, non sussiste niente” –

Ed eventi che liberano gli ospiti. Tratto dal libro – : Pertanto i vigili, che sorvegliavano la zona ritenendo che la casa di Trimalchione andasse a fuoco, sfondarono la porta in un sol colpo. Noi, approfittando di quell’occasione d’oro piantammo in asso Agamennone e in fretta e furia ce la demmo a gambe –

Satyricon, ieri come oggi, la storia di sempre.

 

La Romana – Alberto Moravia

La storia di questo libro è un caso, è arrivato a me qualche giorno prima dell’estate. L’ho letto insieme ad altri libri. Poi ho svoltato e ho letto intensamente Adriana fino alla fine.

Ho pianto nelle ultime pagine, mi piacciono le lettere scritte negli scritti. Le fragilità mi lasciano sempre senza difese.

tratto dal libro – mi pareva che  l’amore non andasse pagato o non fosse mai pagato abbastanza; e tra questa modestia  e questa presunzione, mi sentivo incapace di fissare un prezzo che non mi sembrasse arbitrario-.

 

Fai bei sogni – Massimo Gramellini

Noi siamo un involucro di scelte che non conosciamo, cataloghiamo le priorità sulla base del nostro sentire e del nostro non voler sentire. Poi scatta un istinto – la scrittura – e l’involucro ci dice chi siamo e cosa faremo da grandi.

tratto dal libro – credo di avere imparato allora i rudimenti di quello che sarebbe poi diventato il mio mestiere. Prendere nota e riferire.-

 

Acciaio – Silvia Avallone

Ho ricordato le mie amicizie, stesso periodo, alcune sfumature scolastiche di provincia. Mi è piaciuto il titolo, mi è piaciuto il legame delle due ragazze,  mi è piaciuto il suo personaggio Alessio.

tratto dal libro – una bella siviera 19,6 tonnellate. Alessio la caricava, l’alzava, la spostava, così fino a mezzogiorno, poi la pausa pranzo, poi un’altra oretta di frantumazione di palle.-

 

Le Catilinarie – M.T. Cicerone

Orazione del console Marco Tullio Cicerone pronunciata al cospetto del senato romano  anno 63 a.c.

Tratto dal libro : Il testo del decreto è il seguente ” Perchè ho salvato Roma dagli incendi, i cittadini dall’eccidio, l’Italia dalla guerra”.

Ancora un altro passaggio dal libro: Infine mi comporterò sempre in modo che, memore di quel che ho fatto,  farò in modo che si dica che è stato il risultato del mio valore e non del caso.

 

Tre volte l’alba – Alessandro Baricco

L’alba va vista in compagnia, tre albe per lui molto particolari. Io ho adorato la terza alba.

Tratto dal libro :  Non girarti, gli disse la donna, porta sfiga. Aggiunse che quando sei inseguito non devi badare a chi ti insegue, ti devi concentrare sulle tue scelte, mantenere la lucidità e sapere che se darai il massimo nessuno riuscirà a beccarti.

 

Petrolio – Pier Paolo Pasolini

La sessualità di Carlo è un primo viaggio nei confini d’essere. Poi ad un certo punto lo scenario cambia, ci si ritrova in piena rivoluzione industriale.

tratto dal libro :  Il mio non è un romanzo ”  a schidionata ” ma ” a brulichio ” e quindi è comprensibile che il lettore resti un pò disorientato.

Mi piace la scrittura ” a brulichio “

 

Il vecchio e il mare – Ernest Hemingway

Ho riletto il vecchio e il mare perchè la solitudine regna anche dentro di me. Come dentro di me è racchiuso il desiderio di pescare a largo.

Tratto dal libro : ” Aveva scelto di restare nell’acqua profonda e scura a largo, fuori di tutte le trappole e le reti e gli inganni. La scelta mia era stata di andare laggiù a scoprirlo, al di là di tutta la gente”

Petrolio – Pier Paolo Pasolini

Come si fa a scrivere di un’opera avendo letto 20 pagine? Eppure io voglio fare questo percorso a tappe.

Muta resto nel sapere che fogli incompleti sono stati messi insieme per creare la macchia di petrolio di Pier Paolo Pasolini.

I due corpi di Carlo, il bene e il male, Polis e Tetis. Il Teatro, penso al teatro e sorrido mentre leggo.  E’ una scena di teatro, l’inizio, i due personaggi, il viaggio.

 

 

Requiem – Antonio Tabucchi

Volevo dare un saluto e ricordare Antonio Tabucchi leggendolo.

Io adoro le allucinazioni, hanno il sapore del divino sentire.

In questo scritto Antonio Tabucchi fa un viaggio in un’ allucinazione, solo per dire addio.

Ultimamente anche io ho detto Addio e mi sono chiesta cos’è un addio, la risposta che mi sono data è  che  l’addio è un saluto ad alta voce a qualcuno che di colpo scompare.

Tratto dal libro : ” A chi o a cosa stavo dicendo addio? Non lo sapevo bene, ma era quello che mi andava di dire ad alta voce”

 High & Dry – Primo Amore – Banana Yoshimoto

Leggo spesso la giapponese, mi piace molto e la leggo tutta d’un fiato perchè la sento un tantino simile a me.

In questo suo ultimo lavoro : Cerca di cogliere la simultanietà di pensiero e di sensazione di un profumato innamoramento.

Tratto dal libro : ” Ehi, ti sei addormentata? E io che ti dico cose così importanti”

Colsi la palla al balzo e finsi immediatamente di dormire.

 

 

L’insostenibile leggerezza dell’essere – Milan Kundera

Ho riletto Milan perchè volevo ricordarmi e rileggere del chirurgo Tomàs, che insegna ad usare il bisturi sul mondo anche quando lava i vetri.

Tratto dal libro : Si direbbe che nel cervello esista una regione del tutto particolare che si potrebbe chiamare memoria poetica e che registra ciò che ci affascina, che ci commuove, che rende bella la nostra vita.

Ancora tratto dal libro : Prima di essere dimenticati, verremo trasformati in kitsch. Il kitsch è la stazione di passaggio tra l’essere e l’oblio.

 

 

Simposio –Platone (libro scolastico di mio figlio)

Perchè ho letto il simposio?  Parto dall’inizio e termino con la fine.

Mi affascinano i banchetti e il simposio era un momento importante nella vita sociale della polis, poi era ancora più affascinante immaginare mentre si leggeva sei personaggio di nome Fedro, Pausania, Erissimaco, Aristofane, Agatone e SOCRATE, non a caso mi ripetevo : ” Quanto mi sarei divertita ad osservarli, peccato essere nata secoli dopo!”

E adesso trascrivo la fine, la parte  più esilarante del simposio stesso: il baccano arriva al cielo, e senza più alcuna regola tutti si trovan costretti a bere moltissimo vino. Allora raccontava Aristodemo, Erissimaco, Fedro  e alcuni altri si alzavano e se ne andavano ……… ma in sostanza, raccontava, Socrate li costringeva a riconoscere  che è della stessa persona il saper comporre tanto commedie quanto tragedie , e che chi, con coscienza dell’arte, è poeta tragico, è anche poeta comico.

 

Tsugumi – Banana Yoshimoto ( regalo di mio figlio)

Tsugumi è una ragazza strana che simboleggia vari sentimenti umani in forma esasperata e cinica.

Per descrivere questo libro voglio usare le parole : esasperata e cinica. Chi è una persona esasperata e cinica per me?  E’ una persona che vive al di sopra dei regolamenti, che vive di leggi tutte sue.

Tsugumi appare eccessivamente cattiva ma per me non lo è stata. Tsugumi appare eccessivamente diretta e spietata ma per me non lo è stata. Tsugumi appare eccessivamente intelligente ma per me ha solo adoperato il cervello e il cuore in simultanea e pertanto non è stata  “troppo” intelligente,  ma intelligente ” giusto”.

Tsugumi uguale figura esasperata? No! Tsugumi uguale vita vissuta sul serio percorsa dallo spettro della morte, la morte fa vivere in modo intelligente la vita, questo si! Che è stato superlativo, per me, come concetto.

Tratto dal libro: ” Quando penso a lei,  senza accorgermene,  mi viene da riflettere su cose più grandi di me”

” I miei  pensieri vanno a impelagarsi in questioni immense come per esempio, la vita o la morte”

 

I racconti di Edgar Allan Poe -1809/1849

Titolo del racconto Eleonora:

In poche pagine ho letto la giusta e reale visione dell’amore secondo me, mi ha colpito la magistrale lucidità nell’elencare le sensazioni amorose provate e la grande sapienza di se.

Eleonora l’amore giovanile,  Ermengarda l’amore maturo, al centro di tutto, un voto, fatto alla prima e rotto con il matrimonio con la seconda ed è qui la cosa in assoluto più sorprendente la  grande modernità della scelta finale.

 

 

Ho riletto  Cuore di Tenebra – Joseph Conrad – 1857/1924

Tutte le volte che scorro lungo queste righe di scritto ritrovo l’impareggiabile, inarrivabile leggerezza della bravura.

Mio caro Conrad eri davvero bravo.

Ovvio per me riportare il concetto che questo scritto è un viaggio su un battello lungo le perpendicolari delle arterie coronarie di un cuore illuminato – Le tenebre non sono tenebre per me, quando si ha il potere immenso di illuminarle –

La palude di Conrad è  luminosa.

Quando si incontra in un libro, tale bravura, è una gioia riconoscerla ed apprezzarla – I libri non muoiono mai, gli scrittori illuminati ancor meno.

 

Voglio parlarvi della luce.

Ho terminato di leggere Mr Gwyn di Alessandro Baricco, ho voglia di estrapolare da tutto quello che lui trasmette un messaggio per me unico, lui parla della luce, le lampadine che hanno un tempo e che si esauriscono nell’attimo in cui il produttore le ha programmate.

Io osservo molto la luce  sia quella naturale che quella artificiale, mi piace miscelare la sua intensità, tutto questo mi ha aiutato negli ultimi anni a vedere le sfumature di quasi tutto. Sto scrivendo all’ombra della luce di una lampada che accarezza il riflesso delle mie dita mentre si muovono nell’azione della scrittura.

Avete mai guardato la vostra ombra per davvero? Magari nella penombra di una stanza? Fatelo!

 

Quando Erri De Luca scrive d’amore, sprigiona il sapore intenso della vita, ne – I pesci non chiudono gli occhi – c’è un passaggio attraverso un bacio dato ad occhi aperti, che mi ha incantato per 2 minuti della mia vita.(Il libro parla di molto altro ma questo è il passaggio che mi ha lasciato di più).

Parlare e scrivere di se e dell’amore è la cosa più difficile di questo mondo moderno.

 

Sto leggendo Jung La psicologia dell’incoscio

riporto la frase di inizio libro :

Notoriamente il processo di civilizzazione consiste in una progressiva  sottomissione della parte animalesca dell’uomo; è un processo di addomesticamento che non può essere effettuato senza rivolta da parte della natura animale desiderosa di libertà.

Quando penso all’enigma dell’anima penso ai ricercatori del passato che hanno cercato di osservare i fatti, molto più, di quanto facciamo noi nel nostro tempo.

 

Tratto da UN UOMO di Oriana Fallaci/ la vita di Alekos Panagulis

Mi stringesti in un abbraccio lungo, intenso, silenzioso. Mi baciasti sulla bocca, sulla fronte, sulle tempie. Mi prendesti il volto tra le mani : ” Sei stata una buona compagna . La sola compagna possibile”

Credo che sia una delle frasi, se non la frase, più bella da dire ad una donna.

 

 

Tratto da APPUNTI DI UN VENDITORE DI DONNE di Giorgio Faletti

” Solo gli stupidi e gli innocenti non hanno un alibi”

Riportando la memoria a fatti di cronaca mi viene da chiedermi/vi : ” In Italia serve ancora un alibi per delinquere ed uccidere?

 

 

Tratto da LE AFFINITA’ ELETTIVE di Goethe

In chimica : ” La calce e l’acido si associano con il massimo vigore, mentre l’olio e l’acqua, appena smetti di sbatterli, subito sono già separati”

Noi esseri umani siamo chimica? A che livello?

 

 

Be Sociable, Share!
  1. Nadia ha detto:

    Ciao Cara… ti regalo questa frase che trovo meravigliosa come lo è d’altronde il suo autore… un bacio
    La parola abbaglia e inganna perché è mimata dal viso, perché la si vede uscire dalle labbra, e le labbra piacciono e gli occhi seducono. Ma le parole nere sulla carta bianca sono l’anima messa a nudo.
    Guy de Maupassant

    • filoiovinella ha detto:

      Le nostre facce sono il tempo della nostra passata giovinezza e della meravigliosa seconda giovinezza tinta di colori decisi.
      I nostri pensieri simili ci riportano a leggere e a trasmettere in molte forme diverse.
      I grandi scrittori ci insegnano a comunicare in forma altisonante. Concordo con te, magnifica frase da comunicare al mondo.
      Ciao cara, grazie di averla riportata nel “mio” piccolo mondo

  2. vicky ha detto:

    “Sapeva ascoltare, e sapeva leggere. Non i libri, quelli sono buoni tutti, sapeva leggere la gente.” (Oceano Mare)

    🙂

    • filoiovinella ha detto:

      Molti libri di Alessandro Baricco appartengono al mare, mia cara sorella con questa tua rievocazione mi hai fatto ricordare ancora un suo scritto . Novecento ” Era un numero: adesso è un nome” Danny Boodmann T.D.Lemon Novecento. E’ perfetto. ( Novecento) – il pianista sull’oceano-

  3. sciamano ha detto:

    Erri De Luca scrive di vita e ne scrive perchè l’ha assaporata in ogni sua sfumatura..
    Credo che sia unico, non ce n’è altri così…
    Chi lo apprezza è un po’ come lui, speciale, perchè ne coglie l’essenza e ne condivide le parole…
    Complimenti Filo 🙂

    • filoiovinella ha detto:

      Condivido molte sensazioni di Erri De Luca e condivido anche il senso e il gusto che da all’aria quando ricorda Napoli ” Chi nato a Napoli si stacca e perde la cittadinanza è napòlide. Porta nel sistema nervoso un apparecchio cercapersone che la città inculca in tutti i suoi” (Napòlide)
      Complimenti anche a te e alla tua musica

  4. sciamano ha detto:

    Sempre a proposito di mare…E di Erri De Luca:
    “Conoscevamo il mare a memoria. Nostro Tirreno ci addestrava da cuccioli e ci faceva seri. Il nostro Tirreno, la nostra sola età, la pelle messa a sole e a sale, pelurie chiare e nere, spine di ricci, sandali, pizza, sonno. Dove avremmo affidato il cuore a uno scoglio, tanto ci fidavamo; nessuno ci avrebbe rubato la merenda mentre eravamo in mare. Il Tirreno ci rendeva immuni, bambini sacri della sua acqua che era una lingua di madre lupa che ci pettinava.
    Conoscevamo il sole del tramonto sui muscoli usati, che ci fermava e ci addolciva il buio. Calava a mare, lo vedevamo spegnersi a fuoco viola sull’incerto orizzonte. Per questo fummo Tirrenici, perchè il giorno ci finiva davanti, in faccia al mare immenso e noto a noi.” (Non ora, non qui)

  5. fsgb80v7cbwe ha detto:

    Great website…

    please visit the sites we follow, including this one, as it represents our picks from the web…

*